Gita a Barcellona, l’abc delle attrazioni più importanti

Fare una gita a BarcellonaState per partire alla volta della Spagna e vi state già attrezzando affinché possiate trovare hotel economici barcellona che vi facciano risparmiare per davvero? Se questi sono i fatti possiamo rassicurarvi circa il fatto che di possibilità di scelta non ve ne mancheranno di certo!

Già, perchè Barcellona è una città che deve la sua fama alla capacità di saper conciliare la straordinarietà del suo patrimonio artistico con l’economicità dei prezzi di hotel, ristoranti e negozi: chiaramente l’asticella dei prezzi ha modo di oscillare in alto o in basso sulla base dei quartieri, ma nell’ottica di un’analisi generalista possiamo affermare che non sia certo questa una delle mete più care d’Europa.

Un po’ tutti noi siamo soliti pensare che Barcellona sia una città fortemente a misura di giovane e che sia la sua una delle movide più movimentate d’Europa. Ma per quanto possiamo ritenere vero il suo carattere giovanile, in realtà Barcellona è una città molto più tranquilla di quel che si possa pensare!

Per questo vi consigliamo di non sottovalutare mai l’aspetto culturale, artistico e paesaggistico di Barcellona che in fondo è il suo vero cuore pulsante. Potete ad esempio mettere in programma una visita alla Sagrada Familia che è da più parti ritenuta come una delle opere più straordinarie della Spagna, così come potete inserire in lista anche una visita alla Cattedrale di Barcellona nell’ambito della quale si concretizzano importanti riferimenti artistici e impensabili retroscena storici. Se volete darvi ad una gran bella passeggiata ricca di cose da vedere e di acquisti da poter fare non potrete proprio sottrarvi alla rambla, ovverosia al lungo viale che parte da Plaza de Catalunya fino a raggiungere la statua di Colombo posta a pochi metri dal mare.

Ma dal momento in cui Barcellona è Gaudì (e viceversa), camminando per le vie della città è d’obbligo alzare gli occhi verso le sue espressioni artistiche più famose e curiose di sempre: come le sue case (Pedrera e Batllò), i suoi giardini dai colori vivaci (Park Guell) e come l’opera più famosa da lui partorita (è il caso del Tempio Espiatorio della Sagrada Familia).

Condividilo!

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *